Not a sound, not a breath

urlo-munchOggi ho scritto una nuova storia, solo per voi:

“Non era tanto il buio quanto il silenzio a farla impazzire.Il buio totale le impediva di percepire lo scorrere del tempo, ma il silenzio le faceva dubitare persino di essere viva. Preferiva la vecchia cella, era altrettanto buia ed era più umida, ma almeno c’era il rumore delle gocce che scendevano dalla condensa sul soffitto, le grida dei torturati, le bestemmie degli altri prigionieri e gli insulti delle guardie. Ma qui il silenzio era atroce. Un silenzio così assoluto che rimbombava in testa.

All’inizio provava a cantare, a parlare da sola, a picchiettare con le dita sulla roccia. Poi il silenzio si era impossessato di lei, l’aveva stretta nella sua morsa e le era penetrato nelle viscere. Accucciata in un angolo, abbracciandosi le ginocchia passava le ore, i giorni, le settimane ascoltando il silenzio, con tutte le sue sfumature e le sue variazioni.
Aveva capito che quando il silenzio diventava più opprimente, quasi ovattato, allora era notte, mentre a volte assumeva una sfumatura calda, probabilmente verso mezzogiorno. Quando si sentiva avvolgere dal silenzio come una nuvola fredda stava piovendo. Quante sfaccettature aveva quel silenzio.
Il silenzio permetteva di pensare liberamente e spronare la mente ad aprirsi all’infinito, ma in certi casi occludeva ogni pensiero riempiendo tutto lo spazio disponibile. A volte il silenzio si poteva suonare e produceva melodie dolcissime e tristi, oppure musiche piene di rabbia e aggressività. A volte aveva il suono di una chitarra, altre era un grido disperato.
Ma un giorno il silenzio venne rotto. Il clack della chiave nella toppa, il cigolio insopportabile della porta che si apriva. Gli occhi accecati dalla luce improvvisa non pulsavano quanto le orecchie ferite dal rumore. Speravano che con quella tortura si sarebbe decisa ad ammettere le sue colpe di strega. Ottennero solamente un ostinato mutismo. Ormai era incapace di produrre suoni e ogni rumore le era insopportabile. Bramava disperatamente il ritorno del suo silenzio, ma il mondo era troppo caotico. L’ultimo rumore che sentì fu quello delle fiamme che ardevano tutte attorno a lei sulla pira. Legata al palo sorrideva. Continuava a non produrre suoni. Gli spettatori erano terrorizzati dal suo silenzio e dalla sua fermezza, dal suo sorriso perso. Perché non gridava, perché fissava estatica davanti a sé?
Ma lei non aveva bisogno di gridare e agitarsi. Sapeva che presto, consumate le fiamme, il silenzio eterno l’avrebbe avvolta. Per sempre, nel suo morbido abbraccio.

Nel frattempo lei o un’altra delle streghe arse sul rogo -non si è mai scoperto chi esattamente- maledisse il villaggio, che venne inghiottito nelle profondità della terra in seguito a un  terremoto spaventoso e devastante. L’unica sopravvissuta fu una bambina di nome Melody. Era muta.”

Non ci accorgiamo della forza delle cose che non possiamo davvero ottenere, come per esempio il silenzio totale, ma non ci accorgiamo nemmeno del valore delle piccole cose che invece ci circondano quotidianamente, eppure, inconsciamente, le difendiamo sempre.

Annunci

Informazioni su vanessamedea

Gioco coi significati del mondo per passione... e magari anche per professione!
Questa voce è stata pubblicata in Racconti e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Not a sound, not a breath

  1. alegbr ha detto:

    povere streghe, parafulmini dei peccati del mondo. Bello come descrivi la doppia anima del silenzio.

    A

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...